PDFImprimerEnvoyer
There are no translations available.

 

[‘O Pazzariello!]

 

 

_DSC0544

 

 

[‘O Pazzariello!] è un verace pazzariello napoletano D.O.C., anzi D.O.P., figura di imbonitore e banditore popolare in alta uniforme d’ispirazione borbonica e napoleonica, che ama esibirsi in diverse formazioni artistiche: da solo, in duo/trio accompagnato da eleganti musici sempre appresso appresso a isso con ottavino, grancassa, rullante e piatti, oppure come gran capocomico e squinternato direttore d’orchestra de [La Banda Diàvola!].
[‘O Pazzariello!] è sempremente a vostra completa disposizione per promuovere a gran voce qualsiasi tipo di prodotto, iniziativa, manifestazione, evento o notizia… e per intrattenere con gag, lazzi ed improponibili rime vagamente dialettali il pubblico e gli spettatori, casuali e non. Scherzose ed esilaranti interazioni con i passanti, basate su solide tecniche di animazione di contatto e clownerie, un’incredibile mimica facciale e buffissime espressioni, goffe e caricaturali movenze di danza, sottolineate dal ritmo saltellante di tarantella.
[‘O Pazzariello!] è uno stravagante e felliniano personaggio che proietta in un’atmosfera onirica e di festa le strade e le piazze in cui si sfila e si esibisce, dotato di veri cornetti anti_jella, ed un paio di ex_voto ricevuti in omaggio da qualche vajassa del Vomero, ovviamente sotto la protezione di Sant’Antonio e San Vito, a cui dedica ogni

tarantella.
[‘O Pazzariello!] passeggia per la strada, in mezzo alle persone, in mezzo ai banchi del mercato, in mezzo alla gente, e con la gente scherza, balla, si abbraccia… Imprevedibile, scherzoso, fa le boccacce ai bambini, corteggia le signore, un baciamano alle ragazze, ed ovviamente consiglia gli acquisti ai banchi della biancheria intima. Fa anche girare le arance al verduriere!

 

 

DSCF0275

 

'O PAZZARIELLO & FANSIFAR @ II Convention on Youth Volunteering
European Parliament, Bruxelles BELGIUM september 2011

 

 

Spettacolo da vedere e da vivere!
Nato a Napoli qualche secolo addietro come vero e proprio strillone, assunto per pubblicizzare l’apertura di nuovi esercizi commerciali, diffondere qualche comunicazione importante e portare in giro le notizie - ora al soldo di qualche commerciante, ora pronto a dare editti di qualche ricco nobile - la figura teatralpopolare del pazzariello è antica come la storia di Napoli, ed il ricordo della sua esistenza si perde tra le viscere dei vicoli della Antica Partenope.  I pazzarielli napoletani decidono di darsi un serio tocco di impeccabilità e altisonanza indossando le divise militari abbandonate da Borboni e Francesi, che forse incutevano ancora un po’ di rispetto e timore inconscio nel popolo, soggiogato per moltissimi anni a dominazioni straniere.
Dopo qualche metro di parata a ritmo di tarantella, suonata con strumenti anch’essi tipici delle bande militari, ovvero la grancassa, il rullante e l’ottavino, flauto traverso molto acuto e squillante - in legno d’ebano - dopo qualche ammiccamento e baciamano a qualche gentile passante, ecco [‘O Pazzariello!] che snocciola qualche rima urlante in vero neo-dialetto napoletano_torinese: ATTENZIO’ BATTAGLIO’ POPOLAZIO’ E’ SCIUTO PAZZ’O PATRO’!!!! E poi via con il tara tum tara tum tara tum tara tum tara tum… … … … … …

 

 

 

paranza_liverpool2011

 

'O Pazzariello (Italia) con Jankanoo Commandos (Bahamas) @ Liverpool International Carnival Parade
Liverpool UK  |  luglio 2010